Come E Se Portare Il Gatto In Vacanza (Consigli + Dove Lasciarlo)

Hai intenzione di andare in vacanza e non sai se portare il gatto oppure lasciarlo in casa? 

In questo articolo ti spiego perché è meglio lasciare il gatto a casa e come andare in vacanza in totale tranquillità. E se non puoi lasciarlo ti do 10 consigli per portarlo con te e fare una vacanza serena con il gatto. 

Buona lettura 🙂

More...

Portare il gatto in vacanza o lasciarlo a casa?

Per rispondere a questa domanda, è importante guardare il tutto dal punto di vista di un gatto. 

I gatti sono animali estremamente territoriali. E per il micio la casa è anche il suo territorio. Inoltre si tratta di un animale molto abitudinario e i grandi cambiamenti che sconvolgono completamente la sua routine non sono apprezzati. 

Vogliamo parlare poi degli odori a cui è abituato? I suoi mobili preferiti? i suoi giochi preferiti?

Insomma avrai già capito che la scelta ideale tra portare il gatto in vacanza o lasciarlo casa è proprio quella di lasciarlo a casa. 

Tuttavia ci sono delle eccezioni. Alcuni gatti hanno un carattere più espansivo e curioso e se abituati sin da piccoli possono viaggiare. Oppure se non hai alcun modo per lasciarlo a casa in sicurezza, allora l'alternativa sarà portarlo con te.

Puoi lasciare il gatto in casa da solo per 3 giorni, 1 settimana o persino 2 settimane?

La risposta breve è assolutamente NO. 

Il gatto ha bisogno di acqua fresca e cibo e ha bisogno di qualcuno che giochi con lui e lo stimoli per almeno 30 minuti al giorno. 

Non è un animale che ama stare da solo, anche in natura in genere i gatti vivono in colonie. Proprio per la sua natura sociale. 

Cosa può accadere se lasci il gatto in casa da solo? 

Il rischio è che il gatto si stressi troppo e inizi a soffrire di ansia da separazione. E tutta un’altra serie di rischi correlati alla sua salute. Quindi evita assolutamente questa opzione.

Qual è la soluzione? Andiamo a vederla insieme

Dove lasciare il gatto quando si va in vacanza

Le soluzioni principali sono due, lasciarlo in casa con una cat sitter/un amico oppure portarlo in una pensione per gatti. Analizziamo nel dettaglio cosa fare in entrambe le situazioni

Lasciare il gatto in casa con una cat-sitter

Prima di tutti assicurati che si tratta di una persona affidabile. Chiedi un paio di referenze e assicurati di parlare con queste persone per verificare le loro esperienze. O se possibile guarda le recensioni online. 

Quando parli con questa persona osservala, cerca di capire se ha un genuino interesse verso i gatti. 

Richieste da fare :

Richiedi 2 visite al giorno, ogni giorno alla stessa ora. Oltre ai suoi bisogni primari la cat sitter deve anche passare del tempo con il gatto e giocare con lui. 

Crea un piano di azioni : 

Scrivi esattamente cosa deve fare ogni giorno la cat sitter. Quali sono i giochi preferiti del micio, quanto cibo dare al gatto, il suo carattere e come giocarci. Oltre a questo ovviamente spiega come contattarti e contattare il veterinario in caso di necessità. 

Lascia qualcosa di tuo in casa : 

Il gatto ha bisogno di sentire la tua presenza in qualche modo. 

Una cosa che puoi fare è lasciare alcuni panni e vestiti che abbiano il tuo odore, e dire alla cat sitter di tirarne fuori uno al giorno da dare al micio. In questo modo continuerà a sentire il tuo odore. Un’altra cosa che puoi fare è chiamare ogni giorno e far sentire la tua voce al gatto.

Crea un ambiente stimolante e sicuro in tua assenza: 

Come ho già detto il gatto ha bisogno di essere stimolato mentre sei in vacanza. Per stimolarlo puoi : 

  1. Aquistare dei giochi interattivi, che permettano al gatto di giocare anche da solo. (qui trovi i migliori 5 che ho selezionato per te) 
  2. Fornire al gatto un tiragraffi ad albero abbastanza grande da permettergli di scalare. E posizionarlo davanti a una finestra. In modo che possa osservare il mondo. 
  3. Acquista un dispenser automatico di acqua, in modo che il gatto abbia sempre acqua fresca tutto il giorno. E se hai intenzione di stare in vacanza per più di una settimana, spiega alla cat sitter come funziona. Ho creato un articolo in cui parlo nel dettaglio delle fontanelle per gatti. Lo trovi cliccando qui.
  4. Inoltre esistono sul mercato dei programmi TV per gatti, eccone uno ad esempio.

Ti basta cercare su youtube “video for cats” o "Tv for cats"  per trovarne vari, della durata che va da 15 minuti a 8 ore. Puoi istruire la cat sitter in modo che ne metta uno al giorno per il gatto, prima di lasciarlo da solo. 

Richiedi dei report giornalieri : 

Per goderti la vacanza con tranquillità puoi chiedere alla cat sitter di aggiornarti ad ogni visita e farti sapere come sta il gatto. 

So bene quanto sia preoccupante lasciare il proprio gatto a casa per giorni. Grazie a questi aggiornamenti potrai stare tranquilla/o. 

Puoi anche farti chiamare o videochiamare ad ogni visita per guardare tu stessa/o e vedere come sta il micio.

Portare il gatto in una pensione

La seconda opzione è quella di portare il gatto in un hotel/pensione per animali. In genere ti consiglio di tenere il gatto a casa. Ma se non trovi una cat sitter o un amico disposto a stare con il gatto, puoi affidarti a una pensione. Ecco cosa fare : 

Scegli bene la pensione : 

In particolare visita la pensione prima di decidere. Guarda il livello di pulizia, chiedi come vengono accuditi gli animali e se viene dedicato loro del tempo singolarmente. Inoltre cerca di sentire gli odori e se c’è troppo rumore. Un cattivo odore e suoni eccessivi non sono un buon segnale. 

Lo spazio deve essere sufficiente : 

Osserva gli spazi che vengono dedicati agli animali. è importante che il gatto abbia una superficie da scalare, che abbia una cuccia in cui nascondersi e un angolo per mangiare e bere che sia abbastanza lontano dalla sua lettiera. 

Parla con lo staff : 

Quante persone lavorano in questa pensione e quanti animali tengono? Se ci sono 50 animali e 2 persone, è ovvio che ai gatti non viene dedicato abbastanza tempo.  

Chiedi anche se hanno un veterinario con cui collaborano in loco o comunque disponibile ad andare da loro in caso di emergenze. E infine c’è qualcuno che si occupa dei gatti di notte? Anche questo è un fattore importante. 

Porta qualcosa di familiare : 

Per aiutare il gatto a sentirsi subito a casa puoi portare in pensione i suoi giochi preferiti, i suoi snack e il suo cibo. E infine per continuare a sentire il tuo odore puoi lasciare un tuo capo da usare nella cuccia. 

Come portare il gatto in vacanza : 10 consigli

portare il gatto in vacanza, alcuni consigli

Hai deciso che vuoi portare il gatto in vacanza? Con Achille l'ho fatto più di una volta ed ho cercato di abituarlo sin da piccolo. Con non pochi problemi. 

Se vuoi comunque seguire questa strada eccoti 10 consigli che mi hanno aiutato nei miei viaggi con il gatto.

1. Acquista un trasportino di qualità

La sicurezza non è mai abbastanza quando viaggi con il tuo gatto. Una minima distrazione potrebbe portarlo a scappare. Quindi il mio primo consiglio è quello di acquistare un trasportino di qualità. 

Se viaggi in macchina puoi comprarne uno rigido, se invece viaggi in aereo o treno diventa importante acquistare un trasportino omologato per i viaggi.

Ho scritto una guida all’acquisto qualche tempo fa, nell’articolo troverai consigli su come scegliere il trasportino migliore per le tue esigenze. Ecco il link : Come scegliere il miglior trasportino per gatti.

2. Prepara il gatto in anticipo

Prima di viaggiare devi abituare il gatto in modo graduale. Per farlo puoi portarlo in giro sia in macchina che a piedi all’interno del trasportino. Ti consiglio di farlo ogni giorno per 20-30 minuti e di iniziare almeno 2 settimane prima del viaggio.

3. Fatti prescrivere dei medicinali

Molti gatti soffrono di mal di viaggio, altri invece se si agitano particolarmente e hanno bisogno di un calmante. Rivolgiti al tuo veterinario che ti prescriverà un calmante e un medicinale per il mal di viaggio.

4. Prova il sedativo a casa, giorni prima della partenza

Prova il sedativo in casa prima di farlo in viaggio. In questo modo potrai monitorare la reazione del gatto e capire se è efficace o meno. Ovviamente parlane con il tuo veterinario. 

5. Prepara un panno dall'odore familiare

Riponi un panno nella cuccia del gatto qualche giorno prima della partenza. In questo modo il panno assorbirà l’odore “casalingo”. Che potrai riprodurre all’interno del trasportino.

6. Prepara il trasportino nel modo giusto

Un giorno prima della partenza puoi inserire il panno nel trasportino e permettere al gatto di dormirci per quella notte, con la il portoncino aperto. Prima del viaggio ricordati di inserire nel trasportino anche uno dei suoi giochi preferiti.

7. Utilizza feliway spray

Porta con te uno spray e un diffusore ai feromoni la sua funzione è quella di calmare il gatto e farlo sentire a suo agio grazie al rilascio di feromoni naturali per il micio. Spruzzalo da qualche parte in casa e osserva la sua reazione. Una piccola percentuale di gatti reagisce male ai feromoni.

Il mio consiglio è quello di usare il Feliway, ne parlo in modo approfondito in questo articolo.

8. Porta con te una lettiera da viaggio

Per il viaggio un accessorio indispensabile è una lettiera portatile. Si tratta di una lettiera che in genere è pieghevole e impermeabile e può essere utilizzata all’occorrenza durante il viaggio oppure in hotel/casa vacanze. 

Guarda la migliore su Amazon

9. Dagli da mangiare la notte prima del viaggio

Ti sconsiglio di dar da mangiare al micio per almeno 8 ore prima della partenza. In questo modo eviterai che vomiti o faccia la cacca nel trasportino.  

Ricordati però che il gatto deve e può bere.

10. Assicurati di farlo uscire (in sicurezza) ogni 6-8 ore se si tratta di un viaggio lungo

In questo modo potrà sgranchirsi un pò, bere e fare la pupù. Per l’occasione utilizza una pettorina e un guinzaglio. Ma fai molta attenzione a non far scappare il gatto. 

Per concludere

Portare il gatto in vacanza non è la scelta migliore. Visto che il gatto è un animale abitudinario ed è particolarmente attaccato al suo territorio, la scelta migliore è quella di affidarlo a una Catsitter o un amico che se ne prenda cura a casa. 

Se non è possibile? Solo in quel caso ti consiglio di portare il gatto con te.  Avendo cura di seguire i 10 consigli che ti ho dato nell'articolo.


Tags

gatto in vacanza


Altri articoli che potrebbero interessarti...

animonda opinioni sul cibo per gatti

Animonda: Opinioni sull’umido per Gatti

Stai valutando Animonda per il tuo gatto e vuoi capire se produce

Leggi articolo
opinioni su concept for life per gatti

Concept For Life: Le Opinioni sul Marchio e il Cibo per Gatti

Sei alla ricerca di cibo per gatti che possa soddisfare i gusti

Leggi articolo
Scrivi un commento qui sotto

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}
__CONFIG_group_edit__{}__CONFIG_group_edit__
__CONFIG_local_colors__{"colors":{"21569":"Royal Blue"},"gradients":{}}__CONFIG_local_colors__

Affiliazione Amazon

Gattichepassione.com partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it