Come Rimuovere Gli Odori Dalla Lettiera del Gatto

rimuovere gli odori dalla lettiera per gatto


Essere un amante dei gatti è fantastico, ma prendersi cura di loro e tenerli puliti non è sempre un compito semplice. Per chi ha uno o più gatti in casa, questa considerazione è ben chiara.

Purtroppo, in alcuni casi, l’odore degli escrementi dei gatti che si trovano in una lettiera per gatto autopulente o in una lettiera tradizionale possono essere un serio problema. Anche se esistono soluzioni chimiche per ridurre questi odori, non sono sempre da ritenersi una scelta appropriata.

I gatti sono animali che nella loro indole si mantengono puliti e non hanno bisogno quindi di bagni frequenti. Sfortunatamente, non si può dire la stessa cosa della loro lettiera. L’odore di urina e feci di gatti può essere molto presente e propagarsi anche per tutta l’abitazione.

Proprio questi odori, sono spesso uno dei principali motivi per cui una persona decidere di non prendere un gatto. Per ovviare a questo problema, ci sono una serie di consigli e trucchi che si possono utilizzare. Per chi è alla ricerca di consigli, ecco quelli che riteniamo essere i più efficaci nel ridurre – se non eliminare – l’odore di feci e urina di gatto dalla lettiera.

1: Mantenere sempre pulita la lettiera

Può sembrare una ovvietà, ma tenere pulita la lettiera in maniera costante è una delle abitudini migliori che si possono tenere se si vuole avere ridurre al minimo questi sgradevoli odori. Almeno una volta alla settimana, meglio due, la lettiera del proprio gatto deve essere svuotata e pulita con un disinfettante igienizzante e non profumato.

I gatti sono animali molto sensibili agli odori. Se la lettiera non è ben pulita – cosa che porta ad infastidirli – il gatto sceglierà una nuova zona per fare i suoi bisogni. Tappeti, angoli della casa e un divano possono diventare delle scelte ideali come sostituto di una lettiera sporca. Scelte, che non sono sicuramente ideali dal punto di vista del padrone del felino.

2: Scegliere il giusto modello di lettiera

Non tutte le lettiere per gatti sono uguali. In commercio sono disponibili una vasta selezione di lettiere e che possono essere una buona o una pessima scelta per il proprio gatto.

Le lettiere agglomeranti per gatti ad esempio, sono tra le scelte più comuni e più indicate per ogni razza di gatto.

Una volta che l’urina entra in contatto con la sabbia presente nella lettiera, si andranno a formare una serie di palline che possono essere facilmente rimosse mediante un rastrello. Soluzione veloce, che quindi permette di avere sempre una lettiera pulita e priva di odori.

Per evitare problemi con il proprio gatto e il suo naso, è bene scegliere evitare l'acquisto di lettiere polverose oppure profumate. Infatti queste lettiere possono causare al gatto diversi problemi tra cui l'asma felino.

3: Curare l’alimentazione del proprio gatto

Prima di intervenire sui lasciti del proprio gatto, può essere una buona idea scegliere con attenzione quali sono gli alimenti di cui si ciba il proprio gatto.

l cibo per gatti di qualità è fondamentale anche per ridurre gli odori. Che spesso sono causati dalla massiccia presenza di cereali e ingredienti filler, tipici dei mangimi per gatti di bassa qualità.

Nutrirli solo con cereali e cibi in busta non è sempre una ottima scelta. In particolare se il proprio gatto soffre di qualche allergia o si trova in un’età avanzata. Il cibo per gatti di ottima qualità ha un maggior contenuto di carne e acqua. Scelta che porta gli escrementi ad essere quasi inodore.

Se invece il problema degli odori sgradevoli deriva dall’urina del proprio gatto, può essere il cibo secco a portare a questa problematica. In molte situazioni, in particolare quando si percepisce un forte odore di candeggina nell’urina, la causa principale di questo problema è determinato dalla tipologia di cibo secco con cui si nutre il nostro felino.

4: Bicarbonato di sodio

Per ridurre al minimo la formazione di cattivi odori nella lettiera del gatto, si può andare ad aggiungere del bicarbonato di sodio sul fondo della scatola. Questo, ogni volta che si cambia la sabbia al suo interno. Durante le varie visite alla lettiera, quando con le zampe andrà a coprire i propri bisogni, il gatto mescolerà le due sostanze e il bicarbonato di sodio distruggerà buona parte dello sgradevole odore.

Come si può capire da questo approfondimento, la pulizia e un piccolo piano di azione settimanale, sono senza ombra di dubbio la scelta migliore se si vuole ridurre al minimo la possibilità di percepire odori sgradevoli dagli escrementi del proprio animale.

Post Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *